Decreto “Cura Italia”: proroghe per il terzo settore

Il d. l. 18/2020, recante “Misure di potenziamento del Servizio sanitario nazionale e di sostegno economico per famiglie, lavoratori e imprese connesse all’emergenza epidemiologica da COVID-19”, in vigore dal 17 marzo, all’ 35 dispone il differimento al 31 ottobre 2020 dei termini per:

·         l’approvazione delle modifiche statutarie finalizzate all’adeguamento alla riforma del terzo settore, previsto dal d.lgs. 117/2017 (codice del Terzo settore) e dal d.lgs 112/2017, per le  organizzazioni non lucrative di utilità sociale, organizzazioni di volontariato, associazioni di promozione sociale e per le imprese sociali già costituite al 20 luglio 2017;

·         l’approvazione dei bilanci per le organizzazioni non lucrative di utilità sociale, le organizzazioni di volontariato e le associazioni di promozione sociale iscritte nei relativi registri e per le imprese sociali;  per l’anno 2020, laddove tali termini ricadessero all’interno del periodo emergenziale da COVID-19, come definito dalla delibera del Consiglio dei ministri del 31 gennaio 2020, possono approvare i propri bilanci entro il 31 ottobre 2020, anche in deroga alle previsioni di legge, regolamento o statuto.

Quindi avremo tempo fino al 31 ottobre 2020 sia per approvare i bilanci del 2019 sia – per chi non l’avesse ancora fatto – per approvare il nuovo Statuto, depositarlo alla Agenzia delle Entrate e comunicarlo alla Regione Emilia-Romagna.

19 Marzo, 2020